Troina: inaugurata la mostra fotografica “La violenza non è amore”

Giorno 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, presso l’auditorium Nuccio Sciacchitano di Troina  è stata inaugurata la mostra fotografica dal titolo “La violenza non è amore”, a cura della Professoressa Maria Concetta Iacona e del Dottore Giovanni Gaudio.

La mostra nasce da un progetto pensato da Maria Concetta Iacona, docente di Storia e Filosofia presso l’Ettore Majorana di Troina, ed è dedicata a  tutte quelle donne che decidono di sopportare la violenza in silenzio, trasmettendo loro un importante messaggio: nessuno può calpestare la dignità di un essere umano e nessuna donna è amata quando viene umiliata e picchiata.
I soggetti delle 25 foto pubblicate sono alunni che, nel lontano ottobre del 2019, hanno dato vita a questo progetto con il supporto tecnico del regista e documentarista Giovanni Gaudio, che ha messo a fuoco le loro idee trasformandole in fotografie. La scelta dello sfondo nero e della luce dura, forte e tagliente, rappresenta la realtà che queste vittime vivono sulla loro pelle quotidianamente.

Tanti sono stati gli ospiti della serata: dopo i saluti della Dirigente Scolastico dell’Istituto onnicomprensivo “Majorana- Don Bosco” di Troina Viviana Ardica , del Sindaco di Troina Fabio Venezia e dell’Assessore Silvana Romano – che ha portato a termine il lavoro iniziato dall’assessore Melina Impellizzeri-, sono intervenuti Don Silvio Rotondo, presidente dell’OASI di Troina, la scrittrice Marinella Fiume, l’Avvocato Maria La Ganga, in rappresentanza dell’Associazione DonneInsieme Sandro Crescimanno di Piazza Armerina, la psicoterapeuta Dott.ssa Maria Giusi Cannio, responsabile della Comunità Donne vittime di violenza coop.

Dopo gli interventi degli ospiti, il cui messaggio comune era un messaggio di speranza e di amore, Francesca, vittima di violenza e ospite di una casa-rifugio, ha raccontato la sua esperienza:  “ero una donna vittima di violenza: sono passata dalla fragilità emotiva alla gioia di vivere”.
Subito dopo sono state mostrate le 25 fotografie, accompagnate dalle voci delle studentesse che hanno preso parte al progetto e, al grido di “Nessuno osi farci del male!”, si è conclusa la manifestazione.

La mostra sarà ospitata presso l’Auditorium Nuccio Sciacchitano ancora per qualche giorno, ma si provvederà ad allestire delle mostre temporanee nelle scuole di ogni ordine e grado del territorio, nel tentativo di lanciare un messaggio di speranza e sensibilizzazione in un luogo, la scuola, che rappresenta il punto cardine dell’educazione degli uomini e delle donne di domani.

Domenico Zitelli

Condividi su:

Seguici su