Sicilia in zona gialla da lunedì 30 agosto

È ufficiale, dopo settimane di salvataggi in extremis, il passaggio della regione Sicilia da zona bianca a zona gialla.

Il consueto monitoraggio di venerdì 27 agosto da parte dell’Istituto Superiore di Sanità ha confermato il cambio di colore per la Sicilia che, oltre ad essere la prima regione per contagi, ha sforato i criteri massimi previsti per rimanere in zona bianca. Dato l’importante proseguimento della campagna vaccinale, in linea con le parole del Ministro della Salute Roberto Speranza, è stato deciso di dare più peso al tasso di ospedalizzazione rispetto ad altri indicatori per valutare i cambi colore delle varie regione. Ad oggi, infatti, è fissato il passaggio in giallo qualora l’occupazione delle terapie intensive superi il 10% dei posti letto disponibili e il 15% dei ricoveri in reparto. Stando ai dati del portale AGENAS, la Sicilia attualmente conta un totale dell’11% di ricoverati in terapia intensiva e del 21% in area non critica. Ma a preoccupare maggiormente è la variante Delta che si sta diffondendo velocemente.

Ma cosa cambierà da Lunedì 30 agosto?
Il restringimento entrante non andrà a modificare particolarmente le attuali misure di prevenzione:
-Torna l’obbligo di indossare la mascherina sia all’aperto che al chiuso (sono esenti solo i bambini sotto i 6 anni);
-Sono ammesse tutte le attività all’aperto e al chiuso con obbligo di Green Pass (che dal 1° settembre diventerà obbligatorio per usufruire dei trasporti a lunga percorrenza come treni, aerei, navi);
-Bar e ristoranti potranno effettuare regolarmente servizi a pranzo e cena con un limite di 4 commensali per tavolo, fatta eccezione per i conviventi;
-Si potrà partecipare ad eventi sportivi rispettando una capienza non superiore al 25% di quella autorizzata. Il numero massimo di spettatori non potrà comunque essere superiore a 2.500 per gli impianti all’aperto e di 1.000 per quelli al chiuso; 
-Nessun coprifuoco, restano consentiti gli spostamenti tra regioni;
-Restano chiuse le discoteche.

Lorena Garofalo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

CONDIVIDI L'ARTICOLO