Quarantasei anni fa moriva Peppino Impastato, il giorno del ricordo

PALERMO (ITALPRESS) – “La storia di Peppino Impastato è una storia di verità che è andata oltre i tentativi di depistaggio e che conferma come l’intreccio mafioso abbia segnato la vita democratica della nostra terra. Quella di Peppino dai microfoni di Radio Aut è stata una voce ‘contrò in un tempo nel quale si diceva che la mafia non esisteva, era considerata un’invenzione e l’attività contro la mafia era propria di una sparuta minoranza. Ricordare Peppino Impastato significa attualizzare l’impegno contro la mafia e avere consapevolezza che cosa nostra esercita ancora il suo controllo sul territorio e noi abbiamo il dovere di contrastarla”. Lo ha detto Antonello Cracolici, presidente della commissione Antimafia all’Ars, intervenendo a Cinisi alle iniziative organizzate per il 46esimo anniversario dell’omicidio di Peppino Impastato. Momento clou il corteo che partirà da
Radio Aut, a Terrasini, per raggiungere Casa Memoria, a Cinisi.
– foto ufficio stampa Cracolici –
(ITALPRESS).

Condividi su:

You cannot copy content of this page

blank

Seguici su