3 Dicembre 2022

Poker a Zagabria, il Milan ‘vedè gli ottavi di Champions

ZAGABRIA (ITALPRESS) – E’ una vittoria d’oro quella conquistata da un ottimo Milan che si impone nettamente sul campo della Dinamo Zagabria per 4-0, salendo al secondo posto del girone di Champions e dunque in piena corsa per la qualificazione agli ottavi. Il match si decide a cavallo tra la fine del primo tempo e l’inizio della ripresa, quando le reti Gabbia, Leao e Giroud su rigore mettono a posto le cose per gli uomini di Pioli, che chiudono poi i conti grazie a un’autorete. La prima parata del match la firma però Tatarusanu, che al 18′ respinge in tuffo una conclusione dal limite di Ivanusec. Al 32′ Kalulu crossa dalla tre quarti trovando l’incornata di Giroud, che viene sventata in tuffo da un attento Livakovic. Gli ospiti, dopo un avvio contratto, crescono con il passare dei minuti e al 39′ siglano il vantaggio. Tonali pennella una bella punizione dalla destra che aggira i difensori servendo Gabbia, che di testa batte Livakovic in tuffo per l’1-0 dei suoi. E’ il risultato con cui le due squadre vanno al riposo. I campioni d’Italia escono alla grande dagli spogliatoi e al 5′ firmano il raddoppio. Leao parte da centrocampo, salta un uomo e si accentra sfruttando un buco lasciato dalla difesa infilando poi Livakovic con il destro da posizione ravvicinata. Al 14′ arriva addirittura il tris, quando Tonali viene atterrato in area da Ljubicic con l’arbitro che assegna un calcio di rigore. Dal dischetto si presenta Giroud, il quale calcia sotto l’incrocio dei pali siglando il 3-0. I croati si rivedono al 19′, quando vanno al tiro con Spikic ma Tatarusanu è attento e devia. Sul capovolgimento di fronte è poi Livakovic a salvare i suoi dal 4-0 su un mancino ravvicinato di Giroud. Il quarto gol arriva al 24′, quando Leao se ne va alla sua maniera sulla sinistra, entra in area e mette in mezzo trovando la sfortunata deviazione di Ljubicic che infila il proprio portiere. Cinque minuti dopo, Orsic sfiora la rete della bandiera con un destro a giro che sfiora il palo. Nel finale il punteggio non cambierà più, complice anche l’annullamento per fuorigioco del 5-0 di Pobega, una doppia super parata di Livakovic su Giroud e Krunic e, infine, un gol mangiato da Rebic in contropiede. Per il Milan arrivano così i 3 punti che lo portano in seconda posizione a quota 7. Tra 8 giorni, a San Siro contro il Salisburgo, basterà il pareggio per passare agli ottavi.
– foto LivePhotoSport –
(ITALPRESS).