Meloni “Non dimenticare chi si è sacrificato per la libertà”

ROMA (ITALPRESS) – “Quella di oggi è una data che ha segnato profondamente la memoria e la coscienza della nostra Nazione. Era il 9 maggio 1978 quando il corpo di Aldo Moro, barbaramente assassinato dalle Brigate Rosse, veniva rinvenuto nel bagagliaio di un’automobile in via Caetani a Roma. Lo stesso giorno cadeva, per mano mafiosa, Peppino Impastato. Ed era il 9 maggio del 2021 il giorno in cui veniva proclamata la beatificazione di Rosario Livatino, magistrato ucciso dalla Stidda. Un uomo di Stato, un attivista coraggioso e un giudice, i cui sacrifici non devono essere dimenticati e non devono essere vani”. Così, in un post su Facebook, il premier Giorgia Meloni. “Non a caso nel 2007 il Parlamento italiano ha istituito per il 9 maggio il ‘Giorno della memorià dedicato al ricordo di tutte le vittime del terrorismo e delle stragi di tale matrice”, aggiunge il presidente del Consiglio. “Non dimentichiamoli e facciamo tesoro dei loro insegnamenti. Lo dobbiamo a tutte le vittime innocenti, a chi ha sacrificato la propria vita per la nostra libertà. Lo dobbiamo a noi stessi, alla nostra storia, alla nostra Patria e ai nostri figli, a chi c’era prima di noi e a chi ci sarà dopo di noi. Lo dobbiamo all’Italia e ai valori che amiamo”, conclude Meloni.
(ITALPRESS).
– Foto: Palazzo Chigi –

Condividi su:

You cannot copy content of this page

blank

Seguici su