Macellazione clandestina sui Nebrodi: in prima linea Guardia di Finanza e Silvo Pastorale

Si è conclusa nel primo pomeriggio di ieri un’attività di contrasto alla macellazione clandestina di suini provenienti dai Nebrodi. Su disposizione delle autorità giudiziarie, la guardia di Finanza di Enna, con il supporto tecnico- operativo dell’Azienda Speciale Silvo Pastorale del Comune di Troina, che nelle prime ore della mattinata si è recata dentro il parco dei Nebrodi per smantellare e bonificare un’area che a ciò era stata destinata, trovandovi la presenza di diverse gabbie metalliche per cattura di suini. Tali gabbie erano state individuate e poste sotto sequestro già nel mese di aprile scorso a seguito di un’altra attività di PG.
Ieri il personale dell’Azienda Speciale Silvo Pastorale sotto la guida degli agenti della Guardia di Finanza di Enna ha provveduto a ripristinare uno spazio di legalità nel cuore del parco dei Nebrodi dove in maniera illegale, avevano provveduto a realizzare numerose gabbie metalliche che, innescate, potevano catturare gruppi di suini in contemporanea, per poi destinarli al mercato clandestino. Il presidente dell’Azienda Speciale Silvo Pastorale Angelo Impellizzeri dichiara “La presenza del personale del corpo di vigilanza che quotidianamente svolge un’attenta ricognizione del demanio affidato, ha sempre tenuta alta l’attenzione su questi temi e con molta determinazione anche in questo caso è stato determinante il loro impegno, ripristinando il rispetto delle regole in un territorio martoriato dal malaffare da tanto tempo”.
Il messaggio che rimane chiaro è che bisogna non abbassare la guardia per contrastare fenomeni che violano la legge e che possono mettere in difficoltà la salute pubblica.

Sandra La Fico

Condividi su:

You cannot copy content of this page

blank

Seguici su