Celebrata Santa Barbara dai volontari del distaccamento di Troina dei Vigili Del Fuoco

In una chiesa di San Silvestro gremita, i volontari del distaccamento di Troina dei Vigili del Fuoco hanno festeggiato, domenica sera, la ricorrenza di Santa Barbara, protettrice di chi è capace di affrontare il pericolo con fede, coraggio e serenità anche quando tutto sembra perduto. È stata eletta, infatti, patrona dei Vigili del Fuoco in quanto protettrice di coloro che si trovano “in pericolo di morte improvvisa”. A celebrare la messa Padre Giuseppe Maenza e tante le famiglie e le istituzioni e associazioni presenti, oltre al corpo dei volontari dei Vigili Del Fuoco al completo, ad assistere alla liturgia c’erano l’Amministrazione Comunale, i Carabinieri, i Vigili Urbani, il Corpo Nazionale Soccorso Alpino, la Croce Rossa ed i volontari della Protezione Civile. Molti i messaggi di stima e di ringraziamento per l’attività svolta dal distaccamento presente a Troina. Padre Maenza ha rimarcato il fatto di essere capaci di aiutare l’altro soprattutto nel momento di necessità e di bisogno e di fare servizio con amore. Momento significativo quando viene benedetta la statuetta di Santa Barbara, donata per l’occasione dall’associazione Nazionale dei Vigili del Fuoco sezione di Enna al distaccamento di Troina, che verrà custodita con cura nei propri locali.
Anche il Sindaco Fabio Venezia ha voluto ringraziare il distaccamento di Troina ricordando un fatto accaduto, sempre in questo periodo ma nel 1950, che ha scosso la memoria civile della nostra comunità, provocandone un profondo strazio, ovvero la costruzione della diga ancipa e la perdita di 13 lavoratori, tra operai e tecnici, che, in un generoso ed eroico sforzo di salvataggio, persero la propria vita. Fu in quella occasione che intervennero per la prima volta i Vigili del Fuoco di Catania a Troina. Il locale distaccamento dei volontari, nel 2000, è stato il primo ad essere fondato in Sicilia. Il servizio che svolgono, molte volte in sinergia con i volontari della Protezione Civile, anche e soprattutto per la posizione periferica rispetto ai centri urbani e per la difficoltà di avere mezzi di soccorso in breve tempo è davvero risolutivo.
Ogni qualvolta vengono chiamati per prestare soccorso intervengono sempre con tempestività e spirito di servizio. La nostra comunità non può far altro che ringraziarli per ciò che fanno in termini di sicurezza ambientale, soccorso pubblico e salvataggio di vite umane.

Salvatore Siciliano

Condividi su:

Seguici su