Calcio in lutto: è morto Sinisa Mihajlovic

ROMA (ITALPRESS) – Mondo del calcio e non solo in lutto: si è spento a 53 anni Sinisa Mihajlovic. Lo apprende l’Agenzia Italpress.
Il tecnico serbo da tempo lottava contro la leucemia: la prima diagnosi nell’estate 2019, col successivo trapianto di midollo osseo. Quando il peggio sembrava passato, nel marzo scorso, la ricaduta che lo aveva costretto a sottoporsi ad altre cure.
Il calcio si trova così a piangere la scomparsa di un grande combattente, nato in quel di Vukovar e cresciuto nella Jugoslavia di Tito da madre croata e padre serbo, che trova presto nella sua Arianna la dolce metà che lo accompagnerà per il resto della sua vita e che ci mette poco a mettersi in luce sui campi di calcio, prima col Vojvodina e poi con la Stella Rossa. E’ a Belgrado che Mihajlovic – centrocampista dal sinistro velenoso e cecchino quasi infallibile sui calci piazzati – esplode, arrivando a vincere una storica Coppa dei Campioni. Poi, nel ’92, l’arrivo in Italia, alla Roma, e quindi Samp (sarà Eriksson ad arretrarlo in difesa), Lazio (dove vince scudetto, due Coppe Italia e una Coppa delle Coppe) e Inter. In nerazzurro appende le scarpette al chiodo nel 2006 e passa subito alla panchina, come vice di Mancini, prima di mettersi in proprio: Bologna, Catania, Fiorentina, Sampdoria (il settimo posto nella stagione 2014-15 il suo miglior piazzamento in campionato), la grande chance al Milan, il Torino e infine il nuovo ritorno al Bologna, esperienza chiusa con l’esonero a settembre dopo appena cinque giornate di campionato. Una decisione che lascerà Mihajlovic con l’amaro in bocca perchè convinto di poter ribaltare le sorti della squadra. Sarà la sua ultima esperienza in panchina.
– foto LivePhotoSport –
(ITALPRESS).

Condividi su:

Seguici su