A Palermo una biblioteca per trasferire nel presente il lavoro di Falcone e Borsellino

PALERMO (ITALPRESS) – Non un semplice omaggio alla memoria, ma un vero e proprio percorso finalizzato a trasferire nel presente e nel futuro le figure e il lavoro di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. A fare da cornice è Palazzo Jung, a Palermo, dove stamattina, alla presenza di studenti, autorità politiche (con in testa la presidente della Commissione parlamentare antimafia Chiara Colosimo) e rappresentanti della magistratura, è stata inaugurata la Biblioteca blu: quest’ultima si inserisce all’interno del Museo del presente di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino con racconti testuali e per immagini dell’attività portata avanti da loro e dalle altre figure, siciliane e non, che hanno sacrificato la loro vita per combattere la mafia.
Per Maria Falcone, sorella di Giovanni e presidente dell’omonima Fondazione, l’apertura della Biblioteca rappresenta un traguardo per il lavoro svolto in tanti anni: “Il mio sogno nel cassetto è sempre stato quello di creare un museo per tramandare non il passato, bensì il presente: essendo un posto eterno, vogliamo che la memoria rimanga eterna e venga condivisa tra tutti. Oggi si chiude un cerchio e se ne apre un altro: quando è morto Giovanni mi sono disperata sia come sorella che come cittadina italiana, ci ha lasciato qualcosa di molto importante perché alla vigilia del maxiprocesso, sapendo che sarebbe finita come poi è finita, ha pensato esclusivamente di dirci che ognuno di noi avrebbe dovuto fare la sua parte, piccola o grande”. Si tratta dunque di una memoria che non viene solo coltivata, ma anche attualizzata: “La Fondazione ha dovuto combattere non solo con la mafia, ma anche con un certo fuoco amico: la lotta a Cosa nostra deve arrivare da ogni livello della società”.
Colosimo sottolinea la valenza simbolica e politica di cosa il 23 maggio 1992 abbia rappresentato per lei: “Ero una bambina ai tempi della strage di Capaci e da lì la mia attività politica ha voluto ricalcare quella storia: sono anche stata eletta presidente della Commissione parlamentare antimafia proprio il 23 maggio. Per quanto riguarda la nostra attività, ci siamo occupati subito dei 57 giorni intercorsi tra le stragi di Capaci e via D’Amelio: per quanto Cosa nostra non abbia trovato la sua fine le abbiamo comunque inferto colpi durissimi, in ultimo quello relativo a Messina Denaro. La mia paura è che questa rivolta civile, partita soprattutto da Palermo, possa affievolirsi e lasciare spazio alle nuove forme di criminalità organizzata, come il voto di scambio”. A finanziare parte della nuova biblioteca anche l’Irfis che “è un istituto di fondamentale importanza per lo sviluppo economico e la promozione della legalità in Sicilia – ha. Spiegato la presidente Iolanda Riolo -. Le imprese sono il motore dell’economia di una regione, e sostenere la loro crescita e competitività è essenziale per garantire prosperità e opportunità lavorative”. Per raggiungere questo obiettivo “Irfis svolge diversi ruoli chiave per raggiungere questo obiettivo e attualmente lo fa tramite otto misure attualmente attive, ma svolgendo anche il ruolo di banca a sostegno delle imprese siciliane con tassi assolutamente competitivi rispetto al mercato e una capacità di esaminare le istanze in maniera veloce e completa nel quadro delle regole di vigilanza dettate dalla Banca di Italia. Il ruolo di Irfis, così come voluto dalla Regione, è quello di facilitare l’accesso al credito per le imprese siciliane, specialmente per quelle che potrebbero avere difficoltà a ottenere finanziamenti tramite canali tradizionali. Questo può essere fondamentale per consentire loro di investire in crescita, innovazione e creazione di posti di lavoro”, ha concluso Iolanda Riolo.
-foto xd8-
(ITALPRESS).

Condividi su:

You cannot copy content of this page

blank

Seguici su